Assistenza Legale e Tributaria

Secondo i criteri ed i principii che ci distinguono, assistiamo le Aziende tutelandole sotto ogni punto di vista, sia legale che tributario, anche a tutela dei servizi offerti da noi forniti.  Attraverso un'analisi ed una valutazione gratuita dei nostri collaboratori, riusciamo a valutare lo status attuale e lo svolgimento più vantaggioso per il cliente: tutto questo per garantire una tutela costante e gratuita al fabbisogno.

Al cliente viene rilasciata la documentazione che certifica i risultati attesi e realmente conseguiti.

Il nostro impegno è sempre rivolto alla fidelizzazione del cliente, curandone e tutelandone gli interessi sia nelle fasi di acquisizione che nel prosieguo temporale, grazie alla cura e alla professionalità dei nostri collaboratori.


L'anatocismo bancario

L'Anatocismo Bancario è un'attività legalmente Illegittima e comparata a una vera e propria usura legalizzata e si verifica di solito sui fidi, sui fondi a debito, ecc.

"La nostra azienda si prodiga nel verificare se il cliente è stato vittima di tale procedura e s'impegna con i propri collaboratori nel recupero delle somme ingiustamente versate agli uffici bancari".

Cos'è l'Anatocismo?

Per anatocismo, s'intende la prassi bancaria in forza della quale vengono applicati sul saldo debitore, generalmente a cadenza trimestrale, i c.d. interessi composti (o interessi sugli interessi).

Di seguito proponiamo due tabelle sul calcolo trimestrale degli interessi semplici e composti classico esempio di problematiche di calcolo anatocistico. Si noterà come nella seconda, gli interessi composti siano maggiori dei semplici.

Tabella calcolo Interesse semplice

trim

Capitale

Interesse

Saldo e debito

I

€100.000,00

€2.000,00

€102.000,00

II

€100.000,00

€4.000,00

€104.000,00

III

€100.000,00

€6.000,00

€106.000,00

IV

€100.000,00

€8.000,00

€108.000,00

Totale Interessi (passivi): euro 8000,00


Tabella Interesse composto

trim

Capitale

Interesse

Saldo e debito

I

€100.000,00

€2.000,00

€102.000,00

II

€102.000,00

€2.040,00

€104.040,00

III

€104.040,00

€2.080,80

€106.120,80

IV

€106.120,80

€2.122,42

€108.243,22

Totale interessi (passivi): Euro 8243,22

In pratica, gli interessi vengono dalla Banca conteggiati ogni trimestre, esposti come "voce" nell'estratto conto, per finire sommati al saldo debitore finale.

Così facendo, gli interessi "capitalizzati" nel trimestre precedente producono, allo scadere del trimestre successivo, a loro volta interessi che vanno a capitalizzarsi sul saldo finale, e così via, in una spirale senza fine.

Tale prassi e cioè la capitalizzazione degli interessi è illegittima

Di seguito un esempio di calcolo

  • tasso d’interesse: 10%

  • capitale iniziale: € 1.000,00

  • periodicità di liquidazione degli interessi: trimestrale

Calcolo senza anatocismo
interesse trimestrale = (1.000,00 x 3 x 10)/1200 = € 25,00 
quindi, ogni trimestre i 1.000 euro di capitale fruttano sempre € 25,00

Calcolo con l’anatocismo

  1. interesse del primo trimestre = (1.000,00 x 3 x 10)/1200 = € 25,00

  2. interesse del secondo trimestre = [(1,000,00 + 25,00) x 3 x 10]/1200 = € 25,625

  3. interesse del terzo trimestre = [(1.025,00 + 25,625) x 3 x 10]/1200 = € 26,265625
    e così via per gli altri trimestri …

quindi, con l’anatocismo aumentano gli interessi da corrispondere al creditore.

Le clausole contenute nei contratti bancari alludenti a tale "prassi" (c.d. clausole anatocistiche) sono infatti nulle, perché in violazione del divieto di anatocismo sancito dall’art. 1283 c.c.

Art. 1283 Anatocismo 
In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi (att. 162).

Tale norma da ultimo citata, espressamente dispone che "in mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti da almeno sei mesi".

Non consta, infatti, che le Banche agiscano sulla scorta di un uso normativo consolidato sin dalla data di entrata in vigore del codice civile, unica condizione in base alla quale la clausola anatocistica possa considerarsi valida.

Le Banche, del resto, non possono invocare in loro favore alcun "uso" formatosi e consolidatosi dopo l'entrata in vigore del codice civile, posto che nel nostro ordinamento, i c.d. usi "contra legem" non sono tollerati, come si desume agevolmente - ed a tacer d'altro - dall'art. 1 delle preleggi sulle fonti del diritto e la loro gerarchia

La storia dell'anatocismo bancario

Il divieto dell’anatocismo (bancario e non) è sempre esistito nel nostro ordinamento giuridico in virtù dell’art. 1283 del Codice Civile. Tuttavia le Banche agivano legittimamente quando applicavano la sopraesposta metodologia di calcolo degli interessi sui conti correnti, perché tale comportamento consuetudinario era stato ampiamente avallato dalla giurisprudenza, almeno fino al momento in cui ha preso il via tutto il processo di revisione interpretativa delle norme riguardanti la fattispecie dell’anatocismo. Processo di revisione culminato con la definitiva sentenza del 4 novembre 2004, n. 21095, delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, nella quale in sostanza si afferma l’illegittimità, anche per il passato, degli addebiti bancari per anatocismo.

Prima di questa famosa sentenza c’era stato comunque l’art. 25 del Decreto Legislativo n. 342/1999, comma 2, che, introducendo un nuovo comma all’art. 120 del D. Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico Bancario), ha previsto la possibilità di stabilire, tramite un’apposita delibera del Cicr (Comitato Interministeriale per il Credito e Risparmio), le modalità ed i criteri di produzione degli interessi sugli interessi (anatocismo), maturati nell’esercizio dell’attività bancaria, purché fosse rispettata la stessa periodicità sia nel conteggio sui saldi passivi, sia su quelli attivi.


In sostanza, la volontà legislativa, trasfusa nel TUB, è nel senso della non illegittimità del comportamento delle Banche qualora queste provvedano a liquidare periodicamente non solo gli interessi maturati a loro favore, ma anche quelli a credito del correntista. È sufficiente il riconoscimento di questa reciprocità di trattamento e quindi la contabilizzazione sul conto corrente di eventuali interessi a credito della clientela, per essere in regola con le norme legislative disciplinanti il complesso fenomeno dell’anatocismo.

Il sigillo ufficiale al suddetto nuovo corso in tema di calcolo degli interessi bancari è stato poi apposto dalla sentenza del Cicr emanata il 9 febbraio 2000, la quale ha definitivamente fissato il momento di decorrenza dell’obbligo, a carico delle Banche, di riconoscere ai correntisti pari periodicità nella liquidazione degli interessi. Questo momento è venuto quindi a coincidere con la liquidazione del 30 giugno 2000 e vedremo quanto questa data sia di grandissima rilevanza ai fini del ricalcolo degli interessi anatocistici.

Il Corecom
 

La legge 22/2002 al Titolo IV disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Toscana.
Il CORECOM è un organo di consulenza e di gestione della Regione in materia di comunicazione, organo funzionale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, e svolge compiti istruttori per conto del Ministero delle comunicazioni.

E' per questo che assistiamo le Aziende tutelandole sotto ogni punto di vista assistendole per garantire loro la risoluzione di qualsiasi controversia verso i vari gestori che si siano generati anche in precedenza. Infatti ci proponiamo di consigliare, preparare e assistere il cliente per ogni fase necessaria alla risoluzione del problema.

Il nostro impegno è sempre rivolto al cliente, curandone e tutelandone gli interessi.

L'autorità per l'energia elettrica e il gas

"L'Autorità per l'energia elettrica e il gas" è un organismo indipendente, istituito con la legge 14 novembre 1995, n. 481 con il compito di tutelare gli interessi dei consumatori e di promuovere la concorrenza, l'efficienza e la diffusione di servizi con adeguati livelli di qualità, attraverso l'attività di regolazione e di controllo.

E' per questo che assistiamo le Aziende tutelandole sotto ogni punto di vista assistendole per garantire loro la risoluzione di qualsiasi controversia verso i vari gestori energetici che si siano generati anche in precedenza. Infatti ci proponiamo diconsigliare, preparare e assistere il cliente in ogni fase necessaria alla risoluzione del problema.

Il nostro impegno è sempre rivolto al cliente, curandone e tutelandone gli interessi.